Sentenze

Può il curatore fallimentare chiedere il risarcimento dei danni in sede civile per fatti di bancarotta preferenziale? (Cass. SU n. 1641 del 23.01.2017)

La questione è stata affrontata dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione nel recente arresto in commento, in cui si è trattato del tema della legittimazione del curatore all’azione di responsabilità in sede civile nei confronti degli amministratori di società dichiarati falliti ex artt. 2393 e 2394 c.c. nonché 185 c.p. per fatti costituenti bancarotta preferenziale. In effetti, gli artt. 216 e 240 della Legge Fallimentare riconoscono al curatore la legittimazione esclusiva a costituirsi parte civile nel procedimento penale – anche contro il fallito – per i reati previsti nel titolo VI della L.F., inclusa, quindi, anche la bancarotta preferenziale (art. 216 c.3 L.F.); nulla si dice, tuttavia, in relazione all’eventuale esercizio dell’azione risarcitoria per i medesimi fatti in sede civile. Il problema si è posto nel caso di specie poiché gli amministratori della società – imputati di bancarotta preferenziale – optarono per il rito del patteggiamento, con conseguente preclusione del Giudice Penale all’esame nel merito della richiesta risarcitoria ex art. 444 c. 2 c.p.p. Si è posto quindi un problema interpretativo, poiché alla luce della giurisprudenza consolidata di legittimità il curatore può agire solo per le c.d. azioni di massa, volte a ricostituire il patrimonio del debitore fallito nella sua funzione di garanzia generica (cfr. Cass. SU 7029/2006). A parere del giudice rimettente, infatti, in caso di pagamento preferenziale a uno o più creditori non vi sarebbe danno alla massa ma solamente ai singoli creditori rimasti insoddisfatti, in quanto operazione neutra per il patrimonio sociale, che vede eliminare l’attivo in misura esattamente pari alla diminuzione del passivo conseguente all’estinzione del debito. Le Sezioni Unite, tuttavia, hanno ritenuto tale impostazione ermeneutica del tutto errata in quanto il pagamento preferenziale in una situazione di dissesto può comportare una riduzione del patrimonio sociale in misura anche di molto superiore a quella che si determinerebbe nel rispetto del pari concorso dei creditori. Di conseguenza è stato enunciato il seguente principio di diritto: “Il curatore fallimentare ha legittimazione attiva unitaria, in sede penale come in sede civile, all’esercizio di qualsiasi azione di responsabilità sia ammessa contro gli amministratori di qualsiasi società, anche per i fatti di bancarotta preferenziale eseguiti in violazione del pari concorso dei creditori”.

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it