Sentenze

Amministratore di sostegno per il rifiuto delle cure mediche

Le Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT) servono ad esprimere, in previsione di una futura eventuale incapacità di autodeterminarsi, il consenso o il rifiuto rispetto a trattamenti sanitari, terapie ed esami diagnostici. 
Il malato può manifestare quindi anche il rifiuto alle cure mediche. In altre parole, può escludere determinati trattamenti che possano dar luogo ad accanimento terapeutico, produttivo di inutili sofferenze per chi è malato terminale e non intende soffrire per causa della medicina. Il punto però è che, quando si è in fin di vita, non sempre si è nelle condizioni di esprimere tale volontà. Ecco perché è stata introdotta la normativa relativa al cd. testamento biologico.
Una recente pronuncia della Suprema Corte (ordinanza n. 12998/2019) è intervenuta su questo delicato argomento, stabilendo la possibilità per un malato di nominare un amministratore di sostegno designato dallo stesso per rifiutare le cure in caso di sua impossibilità a prestare dissenso.
Nel 2015 una signora ricorreva al Giudice tutelare  chiedendo di essere nominata come amministratore di sostegno del marito, essendo stata già designata dallo stesso nella funzione. Il giudice tutelare respingeva la richiesta ritenendo l’uomo pienamente capace di intendere e di volere. 
Avverso il decreto i coniugi proponevano reclamo alla Corte d’Appello che rigettava il gravame seguendo la valutazione circa la piena capacità dell’uomo e osservava che il diritto di rifiutare determinate terapie fosse al di fuori dell’ambito di applicazione dell’istituto dell’amministrazione di sostegno e non tutelabile dallo stesso. Avverso il provvedimento i coniugi proponevano ricorso per Cassazione, sulla base di quattro motivi che la Corte esamina e ritiene fondati. La massima “attraverso la scelta dell’amministratore da parte del beneficiario è possibile esprimere, nella richiesta di amministrazione di sostegno, ai sensi del combinato disposto degli artt. 406 e 408 c.c., proprio l’esigenza che questi esprima, in caso di impossibilità dell’interessato, il rifiuto di quest’ultimo di determinate terapie. Tale esigenza rappresenta la proiezione del diritto fondamentale della persona di non essere sottoposto a trattamenti terapeutici, seppure in via anticipata, in ordine ad un quadro clinico chiaramente delineato”.
 
Clicca qui per il testo dell’ordinanza.

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it