Consulenze

Utilizzo del cane da caccia: profili penali

Assai frequente è l’impiego del cane da caccia come ausiliario dell’attività venatoria. Bisogna tenere presente, peraltro, che il codice penale sanziona condotte quali l’abbandono ed il maltrattamento di animali, condotte che potrebbero essere riscontrate anche in questo campo. Anche il cacciatore, pertanto, deve conformarsi nella conduzione ed utilizzo del cane alle regole imposte dalla vigente legislazione penale onde evitare spiacevoli denunce. Ci si riferisce, da un lato, al divieto di abbandono previsto dall’art. 727 comma 1 c.p. nel caso – non infrequente – in cui il cane si perda durante la battuta di caccia ed il proprietario/cacciatore non riesca più a trovarlo: qualora quest’ultimo non si attivi nelle immediatezze con una denuncia di smarrimento e sostanzialmente si disinteressi della sorte del proprio cane, incorre nel reato sopra richiamato; lo ha stabilito la Suprema Corte nella sentenza 2 febbraio 2011 n. 18892, la quale, in un caso in cui a seguito dello smarrimento dell’animale il proprietario non aveva provveduto a denunciare il fatto, ha riscontrato in tale omissione un “preciso sintomo della volontà di abbandono” sottolineando che “la nozione di abbandono enunciata dall’art. 727 c.p. comma 1 postula una condotta ad ampio raggio che include anche una colpa intesa come indifferenza o inerzia nella ricerca immediata dell’animale (...) ben potendo, nel comune sentire, qualificarsi l’abbandono come senso di trascuratezza o disinteresse verso qualcuno o qualcosa, o anche mancanza di attenzione (…)”. Dall’altro lato, la giurisprudenza in una recente sentenza (Cass. Pen. Sez. III 20 giugno 2013, n. 38034) si è pronunciata circa la sussistenza del reato di maltrattamento di animali (rectius: detenzione in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze) ex art. 727 comma 2 c.p. con specifico riferimento al cane da caccia. In particolare è stata ritenuta la sussistenza del reato de quo in un caso di utilizzo del collare elettrico (detto anche “antiabbaio”) sull’animale. La Corte, infatti, ha affermato che il collare elettronico è “certamente incompatibile con la natura del cane: esso si fonda sulla produzione di scosse o altri impulsi elettrici che, tramite un comando a distanza, si trasmettono all’animale provocando reazioni varie. Trattasi in sostanza di un addestramento basato esclusivamente sul dolore, lieve o forte che sia, e che incide sull’integrità psicofisica del cane, poiché la somministrazione di scariche elettriche per condizionarne i riflessi ed indurlo tramite stimoli ai comportamenti desiderati produce effetti collaterali quali paura, ansia depressione ed anche aggressività”. Le pene previste per il reato di cui all’art. 727 (sia comma 1 che comma 2) c.p. sono l’arresto fino ad un anno oppure l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro, pene certamente non leggere, per cui è bene prestare attenzione a come si tratta il proprio cane.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it