Consulenze

Tassidermia

La LC regola la tassidermia e l’imbalsamazione agli artt. 6, 21 e 30.

La tassidermia tratta della conservazione della pelle di un selvatico che,

dopo essere stata opportunamente trattata, viene rimontata su un modello precostituito

al fine di dare un aspetto vivo al selvatico stesso. Si distingue dalla

imbalsamazione perché questa è rivolta a conservare l’intera spoglia dell’uomo

o dell’animale (salvo alcuni visceri) mediante trattamenti conservanti o pietrificanti.

Con la tassidermia si ottiene un reperto del tutto simile all’originale vivo;

con l’imbalsamazione si ottiene una mummia. Nel linguaggio comune una

preparazione tassidermica viene chiamata “animale imbalsamato” perché non

vi è possibilità di equivoco. Quindi il legislatore avrebbe dovuto scrivere “tassidermia

o l’imbalsamazione”.

Le regioni hanno emanato propri regolamenti che regolano l’attività dei tassidermisti

e la detenzione o il possesso di trofei o animali.

I tassidermisti che lavorano per terzi o per fare commercio degli animali

imbalsamati devono essere autorizzati dall’autorità provinciale (o regionale)

indicata nel regolamento. In certe regioni è previsto il parere della Camera di

Commercio e un esamino rivolto ad accertare che il richiedente sappia quali

sono le specie protette e le regole giuridiche da seguire.

Non ha bisogno di licenza chi imbalsama animali per sé stesso, ma deve

comunque dimostrare la liceità del possesso dell’animale; cosa che può essere

difficile per le specie protette o non cacciabili.

I tassidermisti autorizzati devono (art. 6) segnalare all'autorità competente

le richieste di impagliare o imbalsamare spoglie di specie protette o comunque

non cacciabili ovvero le richieste relative a spoglie di specie cacciabili avanzate

in periodi diversi da quelli previsti nel calendario venatorio per la caccia della

specie in questione.

L’inosservanza di questo obbligo comporta la revoca o la sospensione della

licenza, oltre naturalmente le eventuali sanzioni per il possesso illegittimo di

selvaggina (art. 30 c. 2). Lo stesso articolo stabilisce anche che il tassidermista

che viola le disposizioni di legge (mancanza di licenza, mancate comunicazioni,

ecc.) è punito con le medesime sanzioni che sono stabilite per l'abbattimento

degli animali le cui spoglie sono trovate in suo possesso.

Si ricorda che l’art. 21 lett. ee vieta di detenere, acquistare e vendere esemplari

di fauna selvatica, ad eccezione dei capi utilizzati come richiami vivi nel

rispetto delle modalità previste dalla presente legge e della fauna selvatica lecitamente

abbattuta, la cui detenzione viene regolamentata dalle regioni anche

con le norme sulla tassidermia.

Quindi, stando alla lettera della legge, si dovrebbe concludere che

l’imbalsamatore può trattare solo esemplari di animali di allevamento o di spe283

cie cacciabili.

Ma vi possono essere delle deroghe perché sarebbe ovviamente assurdo, ad

es., mandare all’inceneritore un rarissimo selvatico trovato morto. Ed infatti le

legge regionali prevedono tali regole; ad esempio la Legge provinciale trentina

27 dicembre 1982 n. 32 prevede all’art. 3:

1. È consentita l'imbalsamazione esclusivamente di esemplari appartenenti:

a) alla fauna selvatica indigena oggetto di caccia, purché catturata nel pieno rispetto

di tutte le norme venatorie vigenti;

b) alla fauna esotica, purché l'abbattimento e l'importazione o, comunque, l'impossessamento

siano avvenuti in conformità alla legislazione vigente in materia e non si

tratti di specie protette nei paesi di origine dagli accordi internazionali;

c) alla fauna domestica;

c-bis) alla fauna selvatica oggetto di investimento lungo le strade d'uso pubblico ai

sensi dell'articolo 26, comma 3, della L.P. 9 dicembre 1991, n. 24 (Norme per la protezione

della fauna selvatica e per l'esercizio della caccia)

2. È inoltre consentita l'imbalsamazione, negli stessi limiti in cui ne è permessa

l'uccisione, di tutti gli animali di cui sia comprovata la provenienza da allevamenti

conformi alle disposizioni in materia e regolarmente autorizzati quando una autorizzazione

sia richiesta.

3. In deroga a quanto stabilito nei due precedenti commi, per scopi scientifici o didattici

la Giunta provinciale può autorizzare i Musei di scienze naturali di Trento e

Rovereto o altri enti aventi esclusivamente scopi scientifici o didattici ad esercitare direttamente

o avvalendosi di tassidermisti autorizzati l'imbalsamazione di qualsiasi

animale; per gli esemplari appartenenti a specie oggetto di tutela da parte delle leggi

venatorie e non incluse nell'elenco di quelle cacciabili deve essere dichiarata la legittima

provenienza mediante certificazione rilasciata dal Servizio provinciale foreste,

caccia e pesca.

4. Gli esemplari di cui alla lettera c bis del primo comma devono essere muniti del

certificato d'origine rilasciato dal personale addetto alla vigilanza venatoria, secondo il

modello predisposto dal servizio competente in materia di fauna selvatica.

Sanzioni

L’art. 30 comma 2 LC stabilisce che per la violazione delle disposizioni

della presente legge in materia di imbalsamazione e tassidermia si applicano

le medesime sanzioni che sono comminate per l'abbattimento degli animali le

cui spoglie sono oggetto del trattamento descritto. Le regioni possono prevedere

i casi e le modalità di sospensione e revoca dell'autorizzazione all'esercizio

dell'attività di tassidermia e imbalsamazione.

Ciò significa che il reato commesso sarà sempre e comunque quello di

inosservanza delle disposizioni sulla tassidermia, ma la sanzione da applicare

per la detenzione irregolare di spoglie di animali sarà quella prevista per

l’abbattimento di animali di tale specie, secondo quanto stabilito nell’art. 30. Il

divieto posto dall’art. 21 lett. ee rimane assorbito in questa disposizione.

284

Ogni altra infrazione sarà punita con le eventuali sanzioni amministrative

previste dalle norme regionali.

Giurisprudenza

• L'art. 30 della legge 11 febbraio 1992 n. 157, al secondo comma, statuisce

che per le violazioni della stessa legge in materia di imbalsamazione e tassidermia

si applicano le medesime sanzioni che sono comminate per l'abbattimento

degli animali le cui spoglie sono oggetto del trattamento descritto. Si

tratta di una norma di carattere generale che si applica a tutti i detentori di spoglie

impagliato o imbalsamate di specie protette. E la riprova dell'esattezza di

tale conclusione risulta dall'art. 6, terzo comma, della stessa legge che per i tassidermisti

"oltre alle sanzioni previste per chi detiene illecitamente esemplari di

specie protette (ribadendosi così che è illecito per tutti detenere esemplari di

specie protette), prevede anche lo obbligo di segnalare alla autorità competente

le richieste di impagliare o imbalsamare spoglie di specie protette pena la revoca

della autorizzazione a svolgere la attività di tassidermista. *Cass., 3 febbraio

2005, n. 9490.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it