Consulenze

Si possono utilizzare le registrazioni audio nel processo?

Nel nostro millennio la tecnologia è perfettamente integrata nella vita quotidiana. Accade sovente che le prove che intendiamo far conoscere al giudice per tutelare i nostri diritti provengano proprio da dispositivi quali smartphone e tablet. Chi di noi non ha mai registrato un evento, una conversazione al fine di procurarsi una prova, una dimostrazione di quanto accaduto?

E allora ecco che entrano nel processo civile prove di formati nuovi ed eccezionali rispetto ai tradizionali documenti. Ma è possibile tutto ciò? Vediamo come.

Due sono i punti fondamentali che occorre affrontare:

1. Il valore probatorio di questi file audio

2. Le concrete modalità di deposito.

Per quanto concerne il primo punto, la norma fondamentale è quella contenuta nell’art. 2712 c.c. che dispone le riproduzioni fotografiche, informatiche o cinematografiche e, in genere, ogni altra rappresentazione meccanica di fatti o di cose formano piena prova dei fatti e delle cose rappresentate, se colui contro il quale sono prodotte non ne disconosce la conformità ai fatti o alle cose medesime. Distinguendo tra intercettazioni (non ammesse) e registrazioni audio, la Suprema Corte ha affermato nel 2015 il seguente principio: la registrazione della conversazione effettuata da uno degli interlocutori all’insaputa dell’altro non è classificabile come intercettazione, ma rappresenta una modalità di documentazione dei contenuti della conversazione, già nella disponibilità di chi effettua la “documentazione” e potenzialmente riversabili nel processo attraverso la testimonianza” (Cass. pen., sez. II, n. 19158).

Possiamo quindi con certezza affermare la equivalenza della registrazione audio ad una classica prova precostituita quale ad esempio un documento. Se la parte contro cui viene prodotta una registrazione ritiene di doverla contestare può farlo con l’istituto del disconoscimento  e quindi dovrà farlo durante la prima udienza successiva al deposito. In ogni caso, va rammentato che nel caso di disconoscimento le registrazioni possono assumere valore di argomenti di prova per fondare il convincimento del giudice.

            Il secondo argomento riguarda le modalità di acquisizione nel processo civile, soprattutto alla luce della riforma relativa al Processo Civile Telematico. Il provvedimento DGSIA che stabilisce le specifiche tecniche dispone che nel fascicolo telematico sono ammessi i seguenti formati: .pdf, .rtf, .txt, .jpg, .gif, .tiff, .xml.

Appare chiaro quindi come non sia possibile depositare file audio o video: occorrerà pertanto depositare materialmente in cancelleria i file non depositabili sulla piattaforma telematica negli adeguati supporti come cd, dvd o chiavette usb.

Visto quindi che la piattaforma del processo civile telematico non permette il deposito di file audio, è naturale come l’alternativa debba essere il deposito materiale in Tribunale.

 

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it