Consulenze

Responsabilità degli insegnanti: la prova liberatoria diviene più gravosa

Con la sentenza n. 9337/2016 la Cassazione ha stabilito un regime molto gravoso in merito alla prova che l’insegnante deve allegare in giudizio per potersi liberare dalla responsabilità per i danni subiti dagli alunni.

In particolare, non sarà più sufficiente – ai fini della prova dell’inevitabilità dell’evento dannoso – dimostrare che l’intervento correttivo dell’insegnante non era più possibile dopo l’inizio del fatto causale terminato con il danno, ma occorrerà provare di aver adottato in via preventiva (quindi prima dell’inizio della serie causale sfociata nel danno) tutte le misure disciplinari o organizzative idonee a evitare il sorgere di una situazione di pericolo.

E la valutazione sarà tanto più severa e rigorosa alla luce delle circostanze del caso concreto, con particolare riferimento all’età degli alunni e allo stato dei luoghi: se ci si trova di fronte a fanciulli in tenera età e ad una conformazione dei luoghi in cui non è possibile avere una visuale completa su tutti gli alunni, la sorveglianza dovrà essere particolarmente attenta e scrupolosa.

Nel caso in esame il richiamo fatto dagli insegnanti agli alunni durante l’ora di ricreazione “a non correre troppo” è stato ritenuto del tutto insufficiente a ritenere i primi liberati dalla responsabilità per il danno occorso ad una bambina di prima media, poiché tale esortazione doveva considerarsi del tutto generica ed, anzi, non un divieto ma implicitamente un invito a correre, seppur con moderazione, peraltro lasciato a soggetti troppo giovani per valutare la pericolosità della propria condotta.

Ad influire, poi, sulla valutazione della responsabilità dell’insegnante si è aggiunta anche la valutazione dello stato dei luoghi ed in particolare la presenza di un muretto nel cortile ove si svolgeva la ricreazione che non consentiva una visuale completa da parte sorveglianti, con conseguente dovere di maggiore supervisione o comunque con la necessità di imporre l’assoluto divieto agli alunni di correre.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it