Consulenze

Prudenza maneggio Armi

Ecco alcune regole di esperienza per evitare incidenti nel maneggio di armi.

Diffondetele! Con le armi, come con i funghi, di solito si sbaglia una volta sola.

Le statistiche ci dicono che ogni anno sono più le persone colpite in incidenti

di quelle colpite per difesa.

Il comportamento sicuro e prudente deve essere automatico ed istintivo. Se

dovete pensare a come ci si comporta, arriverà il momento in cui sarete distratti.

Le armi che riteniamo scariche sono le più pericolose. Gli oggetti a forma

di arma vanno sempre considerati armi cariche perché così si è sicuri che non si

sbaglierà mai; si deve imparare a non rivolgere mai la canna di un’arma verso

se stessi o verso un’altra persona, neppure se si è convinti che è scarica, neppure

per gioco, neppure per distrazione, neppure se si tratta di un’arma inefficiente

o di un’arma giocattolo. Non tirare a sé un'arma prendendola per la canna.

Non lasciare mai una o più cartucce nell’arma che non debba essere conservata

carica per ragioni di uso rapido (difesa personale, caccia); se ciò non è

possibile, metterla almeno in sicura.

Quando si scarica l’arma accertarsi che TUTTE le cartucce siano state tolte

dal serbatoio e dalla camera di scoppio. Non basta togliere il caricatore. Quando

si deve maneggiare un’arma accertarsi più volte di aver tolto il caricatore e

ogni altra cartuccia dalla canna.

Quando si aziona il grilletto di un’arma, anche se si è convinti che è scarica,

rivolgere la canna verso il suolo, prevedendo possibili rimbalzi (pietra nell'erba).

Esercitarsi sul come agire quando si rinunzia al tiro dopo aver azionato lo

stecher. L’arma non deve mai essere consegnata ad altri con lo stecher azionato

e se non si spara si deve mettere subito in sicura.

Quando si smonta un’arma accertarsi di essere capaci di rimontarla nel modo

giusto; vi sono delle armi un cui la mancanza di un piccolo pezzo può creare

gravi pericoli (ad esempio il carrello di una pistola può essere "sparato" contro

il viso del tiratore).

Non usare mai munizioni di cui non sia sicuri che sono adatte all’arma e di

come siano state caricate o conservate. Se il vostro compagno di caccia vi racconta

delle cariche mirabolanti che esperimenta nelle sue cartucce … state

sempre alle sue spalle; se gli scoppia la canna siete protetti!

Non sparare mai senza sapere dove il proiettile va a finire, sia che colpisca

il bersaglio, sia che lo manchi. Ricordarsi che il proiettile rimbalza contro sassi,

tronchi, muri e, se l’angolo di incidenza è modesto, persino sull’acqua e sul ve207

tro. Quindi non sempre è prudente portare un’arma con la canna rivolta verso il

suolo. Un proietitlle può perforare il selvatico e continuare il suo percorso.

Se l’arma è stata pulita, se è caduta o è stata appoggiata a terra, se è lungo

tempo che non viene usata, controllare sempre che non siano rimasti corpi solidi

entro la canna; può bastare una pezzuola o un po’ di terra o un animaletto

morto in una canna di fucile per provocarne lo scoppio.

Quando si tiene un’arma pronta allo sparo in mano o in spalla e si deve

compiere un movimento che potrebbe comportare inciampi, cadute, impigliamenti

(passaggio di recinti, salti, arrampicamenti), mettere l’arma in sicura.

Non è cosa che si dimentichi facilmente il scivolare in un pendio e vedere il fucile

che continua a scivolare per i fatti suoi e con la canna rivolta vero di noi.

Se non si fa caccia vagante con la possibilità che il selvatico ci schizzi via sotto

i piedi, è necessario abituarsi a tenere il fucile in sicura fino al momento in cui

lo si imbraccia.

Se l’arma fa cilecca, vi è sempre la possibilità di uno sparo ritardato; non

dirigere l’arma verso le persone e attendere almeno dieci secondi prima di aprire

l’otturatore.

Non lasciare mai armi e munizioni alla portata di bambini e incapaci.

Non affidare mai un’arma ad una persona se non si è sicuri che essa osserverà

tutte le regole precedenti. Consegnare sempre l’arma scarica; se si consegna

l’arma carica, avvisare chiaramente di ciò chi la riceve.

Quando dovete sparare non bevete alcolici oltre il quantitativo consentito ai

guidatori. L'alcol peggiora la mira e rende pericolosi.

Se una persona, in vostra presenza, mostra di non seguire queste regole, riprendetelo

severamente, toglietegli l'arma, impeditegli di nuocere: .. è legittima

difesa!

Regoli particolari valgono sul terreno di caccia o di tiro:

Abbiate sempre presente la distanza a cui i vostri pallini o le vostre pallottole

possono essere ancora pericolosi. Un pallino arriva ad una distanza pari a

tante centinaia di metri quanti sono i millimetri di diametro, meno un 20% (un

pallino del nr. 9 di 2 mm ricade verso i 160 metri); la distanza a cui provoca

ancora lesioni è però inferiore:

Diametro

Gittata

massima

Cute, viene ferita

fino a

Occhio, viene ferito

fino a

4 mm 320 m 150 m (V=80 ms) 170 m (V=63 ms)

2 mm 160 m 40 m (V=116 ms) 55 m (V= 90 ms)

Ma un contadino che si sente piovere addosso a 160 metri uno sciame di

pallini innocui ... diventa senz’altro molto meno innocuo!).

Una palla singola sparata da un fucile a canna liscia anche solo con un an208

golo di 20 gradi rispetto al piano, arriva a quasi un chilometro di distanza, una

palla di carabina di 7 mm arriva dai 3 ai 4 chilometri di distanza e sono letali

fino a tali distanze. Con i fucili a palla è perciò cosa imprudente sparare verso

l’alto così da aumentare la gittata o da fare passare la palla oltre la cresta di una

collina o di avallamento. Quando si spara si deve sapere dove la palla finirà la

sua corsa. È anche pericoloso sparare verticalmente verso l’alto con carabine;

la palla ricade con una velocità superiore ai 120 ms, sufficiente a perforare 40

cm di carne o 1 cm di osso.

Con i fucili a palla è cosa imprudente sparare verso alberi o verso rocce o

sassi se di lato a noi vi sono persone; un rimbalzo del proiettile (che può rimbalzare

più volte) può essere fatale. Si è verificato il caso di un cacciatore che

ha sparato ad un fagiano avanti a sé e che il compagno di caccia al suo fianco si

è preso un pallino nell’occhio: era rimbalzato sulle penne del fagiano e ne recava

ancora l’impronta. Occorre sempre tener presente che sparando in piano

su di un ospecchio d’acqua o su di un prato, il proiettile ribalza se tocca la superficie

con un angolo inferiore a 5°; cosa che si verifica dai 30-40 metri in

poi.

Quando si caccia in compagnia occorre sempre sapere dove sono posizionati

i compagni; non è male cercare di capire sempre anche dove si trova il cane e

prevedere dove può trovarsi al momento in cui si sparerà;

Quando non si è in caccia, quando si sale in auto, scaricare sempre il fucile;

Non sparare mai verso frasche o cespugli perché si crede che vi sia un selvatico;

dicono in Lombardia “Io credevo è il verbo degli imbecilli”; quando si

spara si deve avere la certezza assoluta che si spara ad un animale e si deve sapere

esattamente di che animale si tratta.

Giurisprudenza

• Data la liberta di circolazione in qualsiasi parte del territorio nazionale,

garantita ad ogni cittadino dalla carta costituzionale (art. 16), non sono configurabili

restrizioni alla libera circolazione delle persone nelle campagne, durante

la stagione venatoria. Pertanto, in caso di ferimento di un passante attraverso

i campi, per effetto di un colpo di fucile, fatto imprudentemente partire

da un cacciatore, senza il previo accertamento di una sufficiente liberta e sicurezza

del campo di tiro, non e ipotizzabile una colpa concorrente del danneggiato

con quella del feritore per il solo fatto che il primo abbia liberamente passeggiato

per la campagna, nella quale si praticava la caccia, ovvero si sia posto

ad esercitare la caccia nella stessa località. *Cass., 23 dicembre 1968, n. 4072.

• L'esercizio della caccia con fucile costituisce attività pericolosa, che obbliga

a tenere conto delle specifiche peculiarità di luogo e di tempo, nonché

della probabile 'rosa' del tiro. (nella specie, il cacciatore e stato ritenuto responsabile

del reato di lesioni colpose per avere sparato ad altezza d'uomo in un

209

uliveto, senza accertarsi della assenza di persone, nel tentativo di colpire un volatile,

cagionando la perdita di un occhio ad un contadino). *Cass., 19 giugno

1980, n. 9942.

• L'esplosione di colpi di fucile verso il basso integra gli estremi della condotta

colposa, sotto il profilo dell'imprudenza, qualora non vi sia una totale e

completa visibilità e la certezza che non siano presenti persone lungo la traiettoria

dei proiettili. (fattispecie in tema di lesioni colpose a seguito di incidente

di caccia).* Cass., 16 marzo 1981, n. 5263

La precisazione relativa al tiro verso il basso è priva di senso e contraria a

logica..

• Nel caso di lesioni personali cagionate nell'esercizio della caccia, l'asserita

e non dimostrata circostanza della deviazione dei pallini da parte del vento non

può configurare l'esimente del caso fortuito, di cui all'art. 45 cod. pen.; infatti il

cacciatore è tenuto, per normale prudenza, a calcolare anche tali fattori, oltre

che ad accertarsi della eventuale presenza di terzi nella zona. (fattispecie relativa

a ferimento di altro cacciatore, la cui presenza in zona è stata ritenuta ampiamente

prevedibile). *Cass., 12 maggio 1983, n. 5471.

Massima corretta; è veramente difficile ipotizzare situazioni in cui l’incidente

non sia interamente attribuibile a responsabilità del tiratore il quale è

tenuto alla massima diligenza ed a sparare solo quando è sicuro che sulla traiettoria

non vi siano esseri umani. Però non è impossibile: si pensi ad un tizio

che si sia accuratamente mimetizzato nel bosco, tanto da ingannare persino un

selvatico che si è fermato presso di lui.

• In tema di reati venatori, non rientra nella ipotesi della caccia con mezzi

vietati l'esercizio della caccia con uso di richiami vivi al di fuori dei casi consentiti

(art. 21 lett. p), ma soltanto l'esercizio di caccia con l'ausilio dei richiami

vietati, elencati nell'art. 21, comma 1 lett. r), stessa legge; né l'uso di richiami

vivi può rientrare nel concetto di esercizio della caccia con mezzi vietati, anch'esso

sanzionato dalla predetta norma incriminatrice, stante la riferibilità del

termine "mezzo" all'uso di strumenti materiali per la caccia, secondo la nozione

fornita dall'art. 13 della medesima legge. *Cass., 06/10/2000, n. 3089.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it