Consulenze

Porto D'Armi Uso Caccia

Originariamente la licenza di porto di fucile per difesa personale

non richiedeva dimostrazione del dimostrato bisogno; chi intendeva usarla

anche per caccia (L. 157/1992) doveva pagare una ulteriore tassa; da ciò la dicitura.

117

Il Decreto 17 aprile 2003 del Min. Int. ha introdotto un unico libretto di

porto di fucile che verrà rilasciato o per caccia o per tiro a volo o per difesa

personale. Secondo la Cassazione, l’uso dell’arma per uno scopo diverso da

quello specifico (ad es. caccia con licenza per tiro a volo) non comporta sanzioni

penali; può comportare però il ritiro della licenza stessa. Si ricorda che la

licenza di caccia assorbe quella per il tiro a volo.

La licenza per difesa è annuale e deve essere rinnovata ogni anno, anche se

il libretto rimane valido per 5 anni; quindi è regolata come la licenza per arma

corta.

La licenza per caccia o tiro a volo è valida per sei anni, non occorre il foglietto

intercalare, ma basta pagare le tasse. Il fatto di non pagare la tassa annuale

di CC.GG. (€ 168) non comporta la sua inefficacia, ma solo sanzioni

amministrative e fiscali; quindi anche se non si pagano le tasse, il libretto autorizza

a comperare armi e al trasporto di armi e chi porta il fucile non commette

un reato (Cassazione costante). In questo caso infatti ha comunque valore di licenza

di caccia gratuita per cacciare all’estero e di licenza di tiro a volo, per

l'appunto gratuita (e finché si ha la licenza di caccia non si può ottenere anche

la licenza di tiro a volo; ovvio quindi che essa valga comunque a tal fine).

Attualmente l'art. 31 della legge sulla caccia vigente (157/1992) stabilisce

che la sanzione per aver esercitato la caccia senza effettuare il versamento della

tassa di concessione governativa è quella amministrativa da € 154 ad € 929; se

la violazione è nuovamente commessa da € 258 ad € 1.549. Questa sanzione,

introdotta dallal legge 36/1990 nell’art. 22 della legge caccia del 1977, assorbiva,

per il principio di specialità, quella fiscale. Ora però l’art. 31 comma 4 LC

dispone che resta salva l'applicazione delle norme di legge e di regolamento

per la disciplina delle armi e in materia fiscale e doganale e quindi si deve ritenere

che si applichi anche la sanzione amministrativa fiscale prevista dall’art.

9 del D.P.R. n. 641/72 e che va dal 100 al 200% della tassa evasa

La licenza abilita al porto di ogni arma lunga comune (anche sportiva o non

da caccia), purché non per difesa personale, osservata la normativa venatoria

(ad esempio per tiri di prova). È però praticamente impossibile stabilire se

un’arma lunga è portata per difesa o per caccia.

I limiti al porto sono gli stessi di cui alle armi corte; in più vanno osservati i

divieti venatori che vietano di portare fucili carichi in tempo e luoghi di caccia

non consentita e di osservare determinate distanze (violazioni punite con sanzioni

amministrative) e di usare determinati tipi di armi. Ciò comporta che in

alcuni luoghi e giorni non si può sparare liberamente con l'arma lunga, salvo

che ciò avvenga in luoghi attrezzati (poligoni, anche privati) oppure sotto il diretto

controllo dell'autorità amministrativa (ad es. gare estemporanee di tiro,

prova di fucili, esami di cacciatori, ecc.) la quale constati che non si fa del

bracconaggio. Il cacciatore può portare con sé più di un fucile.

118

Competente al rilascio della licenza è il questore della provincia in cui si ha

la residenza (per cittadini comunitari anche solo il domicilio).

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it