Consulenze

Lo "status" falso di separata su Facebook costa alla moglie il risarcimento del danno al marito

Sempre maggiore attenzione viene posta dalla giurisprudenza alle condotte virtuali, in particolare a quelle di moglie e marito in crisi coniugale.

Questo è quanto emerge da una recente pronuncia del Tribunale di Torre Annunziata (sentenza n. 2643 del 24 ottobre scorso) che ha condannato la moglie a risarcire cinquemila euro di danni al marito per aver resa pubblica la sua relazione con l’amante, tra l’altro attribuendosi, sul profilo di Facebook, lo “status” di separata quando invece era ancora sposata e per averlo offeso a più riprese definendolo “il verme”.

Per il giudice di marito va tenuto presente che i social network sono “piazze pubbliche” che amplificano e rendono noti a una pluralità indistinta di persone i propri comportamenti.

Per questo motivo ostentare un tradimento su Facebook lede gravemente la dignità dell’altro coniuge e posto che, nel caso di specie, non era possibile sanzionare la condotta utilizzando l’addebito della separazione perché la crisi coniugale era sorta prima della relazione extraconiugale, il Tribunale ha deciso di riconoscere al marito il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, liquidato in via equitativa ex art. 2059 c.c.

In questo senso si è espresso anche il Tribunale di Prato (sentenza n. 1100 del 28 ottobre 2016) che ha addebitato la separazione alla moglie che sui social network ha ostentato commenti ammiccanti, immagini provocanti e amicizie ambigue.

Peraltro, la Cassazione (sentenza n. 18853/2011) aveva già stabilito che rendere pubblica una relazione extraconiugale integra gli estremi dell’illecito civile, a prescindere dal riconoscimento dell’addebito, se la condotta causa all’altro coniuge una sofferenza tale da ledere diritti costituzionalmente protetti.

Ora però i giudici di merito vanno oltre, riconoscendo il ruolo pubblico dei social network e la possibilità di ledere la dignità e la reputazione del coniuge anche solo attraverso l’aggiornamento di uno “status”.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it