Consulenze

Legge quadro aree protette numero 394 del 6 dicembre 1991

Art. 11 - Regolamento del parco

1. Il regolamento del parco disciplina l'esercizio delle attività consentite entro

il territorio del parco ed è adottato dall'Ente parco, anche contestualmente

all'approvazione del piano per il parco di cui all'articolo 12 e comunque non oltre

sei mesi dall'approvazione del medesimo.

2. Allo scopo di garantire il perseguimento delle finalità di cui all'articolo 1

e il rispetto delle caratteristiche naturali, paesistiche, antropologiche, storiche

e culturali locali proprie di ogni parco, il regolamento del parco disciplina in

particolare:

a) la tipologia e le modalità di costruzione di opere e manufatti;

b) lo svolgimento delle attività artigianali, commerciali, di servizio e agrosilvo-

pastorali;

c) il soggiorno e la circolazione del pubblico con qualsiasi mezzo di trasporto;

d) lo svolgimento di attività sportive, ricreative ed educative;

e) lo svolgimento di attività di ricerca scientifica e biosanitaria;

f) i limiti alle emissioni sonore, luminose o di altro genere, nell'ambito della

legislazione in materia;

g) lo svolgimento delle attività da affidare a interventi di occupazione giovanile,

di volontariato, con particolare riferimento alle comunità terapeutiche, e

al servizio civile alternativo;

h) l'accessibilità nel territorio del parco attraverso percorsi e strutture idonee

per disabili, portatori di handicap e anziani.

2-bis. Il regolamento del parco valorizza altresì gli usi, i costumi, le consuetudini

e le attività tradizionali delle popolazioni residenti sul territorio,

nonché le espressioni culturali proprie e caratteristiche dell'identità delle comunità

locali e ne prevede la tutela anche mediante disposizioni che autorizzino

l'esercizio di attività particolari collegate agli usi, ai costumi e alle consuetudini

suddette, fatte salve le norme in materia di divieto di attività venatoria

previste dal presente articolo.

3. Salvo quanto previsto dal comma 5, nei parchi sono vietate le attività e le

opere che possono compromettere la salvaguardia del paesaggio e degli ambienti

naturali tutelati con particolare riguardo alla flora e alla fauna protette e

ai rispettivi habitat. In particolare sono vietati:

a) la cattura, l'uccisione, il danneggiamento, il disturbo delle specie animali;

la raccolta e il danneggiamento delle specie vegetali, salvo nei territori in cui

387

sono consentite le attività agro-silvo-pastorali, nonché l'introduzione di specie

estranee, vegetali o animali, che possano alterare l'equilibrio naturale;

b) l'apertura e l'esercizio di cave, di miniere e di discariche, nonché l'asportazione

di minerali;

c) la modificazione del regime delle acque;

d) lo svolgimento di attività pubblicitarie al di fuori dei centri urbani, non

autorizzate dall'Ente parco;

e) l'introduzione e l'impiego di qualsiasi mezzo di distruzione o di alterazione

dei cicli biogeochimici;

f) l'introduzione, da parte di privati, di armi, esplosivi e qualsiasi mezzo distruttivo

o di cattura, se non autorizzati;

g) l'uso di fuochi all'aperto;

h) il sorvolo di velivoli non autorizzato, salvo quanto definito dalle leggi

sulla disciplina del volo.

4. Il regolamento del parco stabilisce altresì le eventuali deroghe ai divieti

di cui al comma 3. Per quanto riguarda la lettera a) del medesimo comma 3, esso

prevede eventuali prelievi faunistici ed eventuali abbattimenti selettivi, necessari

per ricomporre squilibri ecologici accertati dall'Ente parco. Prelievi e

abbattimenti devono avvenire per iniziativa e sotto la diretta responsabilità e

sorveglianza dell'Ente parco ed essere attuati dal personale dell'Ente parco o da

persone all'uopo espressamente autorizzate dall'Ente parco stesso.

5. Restano salvi i diritti reali e gli usi civici delle collettività locali, che sono

esercitati secondo le consuetudini locali. Eventuali diritti esclusivi di caccia

delle collettività locali o altri usi civici di prelievi faunistici sono liquidati dal

competente commissario per la liquidazione degli usi civici ad istanza dell'Ente

parco.

6. Il regolamento del parco è approvato dal Ministro dell'ambiente, previo

parere degli enti locali interessati, da esprimersi entro quaranta giorni dalla richiesta,

e comunque d'intesa con le regioni e le province autonome interessate;

il regolamento acquista efficacia novanta giorni dopo la sua pubblicazione nella

Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Entro tale termine i comuni sono

tenuti ad adeguare alle sue previsioni i propri regolamenti. Decorso inutilmente

il predetto termine le disposizioni del regolamento del parco prevalgono

su quelle del comune, che è tenuto alla loro applicazione.

Art. 21 - Vigilanza e sorveglianza

1. La vigilanza sulla gestione delle aree naturali protette di rilievo internazionale

e nazionale è esercitata per le aree terrestri dal Ministro dell'ambiente e

per le aree marine congiuntamente dal Ministro dell'ambiente e dal Ministro

della marina mercantile.

388

2. La sorveglianza sui territori delle aree naturali protette di rilievo internazionale

e nazionale è esercitata, ai fini della presente legge, dal Corpo forestale

dello Stato senza variazioni alla attuale pianta organica dello stesso. Per l'espletamento

di tali servizi e di quant'altro affidato al Corpo medesimo dalla presente

legge, con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro

sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, su proposta del Ministro

dell'ambiente e, sino all'emanazione dei provvedimenti di riforma in attuazione

dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59, e dal decreto di cui

all'articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 4 giugno 1997, n. 143, e fermo

restando il disposto del medesimo articolo 4, comma 1, di concerto con il Ministro

dell'agricoltura e delle foreste, sono individuate le strutture ed il personale

del Corpo da dislocare presso il Ministero dell'ambiente e presso gli Enti

parco, sotto la dipendenza funzionale degli stessi, secondo modalità stabilite

dal decreto medesimo. Il decreto determina altresì i sistemi e le modalità di reclutamento

e di ripartizione su base regionale, nonché di formazione professionale

del personale forestale di sorveglianza. Ai dipendenti dell'Ente parco possono

essere attribuiti poteri di sorveglianza da esercitare in aggiunta o in concomitanza

degli ordinari obblighi di servizio.

Nell'espletamento dei predetti poteri i dipendenti assumono la qualifica di

guardia giurata. Fino alla emanazione del predetto decreto alla sorveglianza

provvede il Corpo forestale dello Stato, sulla base di apposite direttive impartite

dal Ministro dell'ambiente, d'intesa con il Ministro dell'agricoltura e delle foreste.

Nelle aree protette marine la sorveglianza è esercitata ai sensi dell'articolo

19, comma 7.

Art. 30 - Sanzioni

1. Chiunque viola le disposizioni di cui agli articoli 6 e 13 è punito con l'arresto

fino a dodici mesi e con l'ammenda da lire duecentomila a lire cinquantamilioni.

Chiunque viola le disposizioni di cui agli articoli 11, comma 3, e 19,

comma 3, è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l’ammenda da € 52 a €

12.915. Le pene sono raddoppiate in caso di recidiva.

1-bis. Qualora l'area protetta marina non sia segnalata con i mezzi e gli

strumenti di cui all'articolo 2, comma 9-bis, chiunque, al comando o alla conduzione

di un'unità da diporto, che comunque non sia a conoscenza dei vincoli

relativi a tale area, violi il divieto di navigazione a motore di cui all'articolo

19, comma 3, lettera e), è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento

di una somma da 200 euro a 1.000 euro.

2. La violazione delle disposizioni emanate dagli organismi di gestione delle

aree protette è altresì punita con la sanzione amministrativa del pagamento di

una somma da lire cinquantamila a lire duemilioni. Tali sanzioni sono irrogate,

389

nel rispetto delle disposizioni di cui alla legge 24 novembre 1981, n. 689, dal

legale rappresentante dell'organismo di gestione dell'area protetta.

2-bis. La sanzione amministrativa pecuniaria di cui al comma 2 è determinata

in misura compresa tra 25 euro e 500 euro, qualora l'area protetta marina

non sia segnalata con i mezzi e gli strumenti di cui all'articolo 2, comma 9-

bis, e la persona al comando o alla conduzione dell'unità da diporto non sia

comunque a conoscenza dei vincoli relativi a tale area.

3. In caso di violazioni costituenti ipotesi di reati perseguiti ai sensi degli

articoli 733 e 734 del codice penale può essere disposto dal giudice o, in caso

di flagranza, per evitare l'aggravamento o la continuazione del reato, dagli addetti

alla sorveglianza dell'area protetta, il sequestro di quanto adoperato per

commettere gli illeciti ad essi relativi. Il responsabile è tenuto a provvedere alla

riduzione in pristino dell'area danneggiata, ove possibile, e comunque è tenuto

al risarcimento del danno.

4. Nelle sentenze di condanna il giudice può disporre, nei casi di particolare

gravità, la confisca delle cose utilizzate per la consumazione dell'illecito.

5. Si applicano le disposizioni di cui alla legge 24 novembre 1981, n. 689,

in quanto non in contrasto con il presente articolo. 6. In ogni caso trovano applicazione

le norme dell'articolo 18 della legge 8 luglio 1986, n. 349, sul diritto

al risarcimento del danno ambientale da parte dell'organismo di gestione dell'area

protetta.

7. Le sanzioni penali previste dal comma 1 si applicano anche nel caso di

violazione dei regolamenti e delle misure di salvaguardia delle riserve naturali

statali.

8. Le sanzioni penali previste dal comma 1 si applicano anche in relazione

alla violazione delle disposizioni di leggi regionali che prevedono misure di

salvaguardia in vista della istituzione di aree protette e con riguardo alla trasgressione

di regolamenti di parchi naturali regionali.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it