Consulenze

Le guardie Giurate

Per quanto concerne le guardie giurate particolari alle dipendenze di privati

(o di enti pubblici con rapporto di lavoro privatistico) si tenga presente che

352

essi rimangono dei privati cittadini e che non hanno alcun potere oltre quello

che competerebbe ad ogni cittadino nella stessa situazione. In sostanza si tratta

di un unico potere e cioè quello di procedere ad arresto in flagranza di reato

(art. 383 CPP), per reati perseguibili d’ufficio, in tutti i casi in cui l’arresto è

obbligatorio (art. 380 CPP). Il privato (o la guardia) che esegue un arresto diviene

un P.U. e quindi può fare uso legittimo di armi e di mezzi od atti di costrizione

(art. 53 CP).

La guardia giurata particolare non può richiedere le generalità ad una persona

(l’ art. 651 CP riserva tale facoltà solo a P.U.). Può farlo se effettua un arresto.

Diversa la posizione delle guardie giurate volontarie le quali non sono investite

di poteri di polizia giudiziaria, ma solo di un potere derivante dal fatto di

essere persona incaricata di compiti amministrativi di polizia (ma non giudiziari!).

Quindi:

- la guardia non può eseguire arresti se l'arresto è solo facoltativo;

- la guardia non può procedere a nessun atto di indagine a norma degli artt.

347 ss. CPP;

- la guardia può arrestare solo se l'arresto è obbligatorio e, in tal caso, può

trattenere il corpo di reato fino alla consegna alla polizia giudiziaria;

- la guardia può richiedere le generalità in forza dell'art. 651 c.p.;

- la guardia non può far uso delle armi o della coazione fisica a norma dell'art.

53 C.P., ma può usarle armi o violenza solo per legittima difesa;

- le guardie redigono verbali che non sono atti pubblici, ma che, come ben

ha sempre detto la legge, dal 1907 ad oggi, fanno fede fino a prova contraria;

- le guardie, in quanto persone incaricate di un pubblico servizio hanno

l'obbligo di fare denunzia delle notizie di reato di cui abbiano avuto notizia

nell'esercizio o a causa delle loro funzioni (art. 362 c.p.).

Si pone il problema se le guardie volontarie, nel momento in cui intervengono

per svolgere il loro compito, siano pubblici ufficiali oppure solamente incaricati

di un pubblico servizio. Secondo la definizione data dall’artt. 357 e 358

C.P., modificato nel 1990, essi vanno inseriti fra gli incaricati di un pubblico

servizio. Però nel 1994 la Cassazione, giudicando si di una caso anteriore alla

riforma, scriveva Va riconosciuta la qualità di pubblico ufficiale, a norma

dell'art. 357 cod. pen., alle guardie ecologiche del servizio volontario di vigilanza

della comunità montana Valtellina. Esse, infatti, esplicano un servizio

disciplinato da norme di diritto pubblico, nel cui ambito sono conferiti poteri

di accertamento delle violazioni di disposizioni in materia ecologica e di redazione

dei relativi verbali, con efficacia di fede privilegiata ai sensi dell'art. 255

del regolamento per l'esecuzione del TULPS.(Cass. 9387/1994).

Però la legge 6 giugno 2008 n. 101, emessa in esecuzione della sentenza

della Corte di giustizia resa in data 13 dicembre 2007 nella causa C-465/05,

353

procedura di infrazione n. 2000/4196, per avere l’Italia limitato il libero svolgimento

dell’attività delle agenzie di vigilanza comunitarie accampando la fandonia

che esse avevano pubblici poteri, non ha potuto dichiararli pubblici ufficiali,

ma ha loro riconosciuto solo la qualifica di incaricati di pubblico servizio.

Ciò non spiega perché le guardie giurate volontarie siano legittimate a richiedere

i documenti ai controllati, facoltà riservata ai pubblici ufficiali, così

come quella di fare uso di armi e di violenza fisica (art. 53 C.P.), facoltà questa

che nessuno si è mai sognato di attribuire a delle guardie private e per di più

volontarie.

La soluzione giuridicamente corretta non è quella proposta dalla Cassazione.

Tra l’altro non è vero che i verbali abbiano fede privilegiata; sono verbali di

constatazione di fatti che hanno lo stesso valore di una testimonianza, smontabile

con prova contraria; la fede privilegiata è quella che possiedono gli atti e le

certificazioni provenienti da un pubblico ufficiale o quegli atti che fanno fede

fino a querela di falso. È la qualifica del soggetto che emette l’atto a provare la

fede privilegiata ed è un errore logico far derivare la qualifica del soggetto in

base alla natura dell’atto emesso. Perciò si deve ritenere che si tratta di incaricati

di pubblico servizio a cui una norma speciale attribuisce anche la facoltà

eccezionale di richiedere i documenti specificamente indicati nella legge sulla

caccia o in altre leggi apposite.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it