Consulenze

IL TRASPORTO DI CANI

Le modalità di trasporto degli animali in auto sono stabilite dall'articolo 169

del Codice Stradale il quale stabilisce che:

- è consentito trasportare un solo animale in auto libero nell'abitacolo purché

non disturbi o distragga il conducente;

- due o più animali trasportati in auto devono viaggiare in apposite gabbie o

contenitori oppure nel vano posteriore al posto di guida, separato da una apposita

rete divisoria o altro analogo mezzo. Se questo è permanente deve essere

autorizzata dal Dipartimento per i trasporti terrestri.

Chi trasporta gli animali in auto in violando queste disposizioni è punito

con la sanzione amministrativa da € 80 ad € 318 (aggiornamento pena del D.M.

22 dicembre 2010) e con la perdita di un punto dalla patente.

Il trasporto su moto e ciclomotori è consentito purché l’animale sia in apposito

contenitore che sia solidamente assicurato, che non sporga più di 50 cm

dalla sagoma, che non limitino o impediscano la visibilità del conducente (art.

170 C. St.). Per le violazioni la sanzione amministrativa va da € 76 ad € 306

con la perdita di un punto dalla patente.

Quindi chi trasporta uno o più cani deve curare:

- che l’animale non possa in alcun modo entrare in contatto con il conducente

distraendolo dalla guida;

- che in caso di incidente l’animale non venga proiettato conto il conducente

o i passeggeri;

- che l’animale non sia legato o rinchiuso in condizioni di sofferenza (si

veda la voce Maltrattamento di animali);

Le situazioni pratiche che si presentano sono le seguenti:

Trasporto di un solo cane in auto.

Può essere trasportato entro apposito contenitore nell’abitacolo od anche

nel vano bagagli; in questo caso purché esso non sia tale da provocare sofferenze

all’animale

L’animale può essere tenuto nell’abitacolo al di fuori di un contenitore purché,

in relazione alle sue dimensioni, alla natura del veicolo e ad ogni altra circostanza,

non gli sia possibile di entrare in contatto con il conducente e di disturbarlo

nella guida. Perciò il cane, se non custodito e trattenuto da uno dei

passeggeri, dovrà essere vincolato con legami, sui sedili o nello spazio davanti

ad essi. I legami non devono provocargli sofferenza e quindi si richiede una

specie di imbracatura (non si consiglia vincolare il collare perché in caso di incidente

l’animale rischia seriamente la rottura del collo). I legami devono essere

assicurati saldamente, ad esempio utilizzando gli attacchi per le cinture di

sicurezza.

327

Trasporto di due o più cani in auto

Gli animali devono essere racchiusi in gabbie o contenitori oppure vi deve

essere un divisorio, quali una rete o una griglia o un tavolato, fra il conducente

e lo spazio alle sue spalle in cui si trovano i cani. Se il divisorio è fisso occorre

che venga autorizzato dal Dipartimento della motorizzazione civile.

Trasporto di uno o più cani su di un veicolo a motore a due ruote

L’animale o gli animali devono essere rinchiusi in un contenitore ben fissato

e che non limiti la visibilità.

Trasporto su treni

Nei treni a scompartimento, i cani di piccola taglia possono viaggiare in seconda

classe, liberi accanto al proprietario, sorvegliati con attenzione e purché i

passeggeri dello scompartimento lo consentano

I cani di grossa taglia, invece, sono ammessi solo se non recano disturbo e sono

tenuti al guinzaglio e con museruola.

Sui treni locali, dove le carrozze sono costituite da un unico ambiente, è consentito

il trasporto degli animali solo facendo uso delle piattaforme o dei vestiboli

delle carrozze. Regole particolari valgono per i treni veloci.

Trasporto in aereo

Di regola è consentito tenere con sé in apposito contenitore con fondo impermeabile

un cane che non superi i 10 kg, contenitore compreso; se supera tale

peso va in stiva entro gabbie della compagnia aerea. Meglio informarsi caso

per caso e, se si va all’estero, informarsi sulle procedure sanitarie.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it