Consulenze

Collezione di Armi -Licenza

Chi intende detenere più di 6 armi sportive o più di 3 armi comuni non da

caccia deve munirsi preventivamente di licenza di collezione (Art. 10 e 20 L.

110/1975); questa ha essenzialmente lo scopo di accertare che siano adottate

misure di custodia adeguate al numero e tipo delle armi. La licenza si richiede

al questore (unendo due bolli) ed è gratuita e permanente. Non è richiesta la

capacità tecnica né la idoneità fisica. Si può richiedere la licenza anche se non

si intende detenere armi fuori collezione ed anche per una sola arma (DPR

311/2001). Nulla vieta che nella richiesta iniziale si indichi il numero presumibile

delle armi che si intendono collezionare in futuro e indicare misure di custodia

già adeguate al numero finale, così rendendo automatico l'inserimento

dei successivi acquisti.

Ottenuta la licenza si può procedere ai successivi acquisti chiedendo ogni

volta l'inserimento dell'arma o delle armi nella licenza (due bolli). Se si è già

115

raggiunto il numero massimo di armi fuori collezione, l’autorizzazione

all’acquisto deve essere preventiva.

In collezione si può tenere un solo esemplare per ogni modello di arma catalogata;

per le armi non catalogate in quanto precedenti al 1979 se ne possono

detenere, due esemplari con la stessa denominazione e calibro (Circolare

10.9876 ottobre 100(2) del 14 febbraio 1980); altri esemplari possono essere

detenuti fra quelli fuori collezione (quindi se uno colleziona solo Luger può

averne 5).

Non possono essere detenute munizioni pertinenti alle armi in collezione; il

divieto cade se si hanno armi dello stesso calibro fuori collezione.

Nessuna norma vieta l'uso delle armi in collezione e perciò esse possono

essere portate al poligono per tirare e possono essere date in comodato, se sportive;

le armi da caccia non vanno in collezione. Però molti questori hanno

frainteso la legge e impongono nella licenza il divieto di uso; è prescrizione illegittima,

ma chi se la ritrova deve osservarla.

Chi trasferisce le armi in altro domicilio deve rinnovare preventivamente la

licenza.

Anche la licenza di collezione di armi antiche rare ed artistiche è gratuita e

permanente; le misure di sicurezza non sono richieste per le armi bianche e

possono essere largamente attenuate per quelle da sparo (le repliche moderne

di un’arma antica, funzionanti e robuste, sono di libera detenzione!); è vietato

detenere le munizioni, ma si può detenere polvere da sparo. Il titolare può ampliare

la collezione senza denunziare le nuove armi se esse sono dello stesso

genere per cui stata rilasciata la licenza (ad es. una nuova pistola se già si detenevano

armi da fuoco; se si fossero detenute solo armi bianche, la pistola andrà

denunziata).

Chi ha una stanza blindata per la collezione di armi, può ovviamente conservare

in essa anche le armi fuori collezione.

Le armi bianche moderne possono essere detenute in qualsiasi numero senza

licenza di collezione, ma vanno denunziate.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it