Consulenze

Classificazione dei vari tipi di armi e modalità acquisto

Con il termine armi la legge si riferisce a:

Armi bianche: spade, pugnali, baionette, tirapugni, bastoni animati, mazze

ferrate, manganelli, storditori elettrici, bombolette lacrimogene non approvate

dal ministero. Le bombolette contenenti olio di peperoncino sono liberalizzate

se di piccole dimensioni, ma il mistero ufficialmente ne ha approvate solo tre

marche senza indicare i criteri tecnici seguiti. Per la Cassazione sono armi i

coltelli a scatto; per le questure essi sono di libera vendita e si trovano in ogni

coltelleria; nel dubbio è meglio non acquistarli oppure acquistarli con porto

d'armi e denunziarli, senza mai portarli. Si tenga presente che molte armi bianche

sono in libera vendita in negozi sportivi o su internet senza che nessuna autorità

intervenga e che è cosa ingiusta denunziare il detentore senza procedere

anche contro il venditore o importatore.

Se anteriori al 1890 sono considerate armi antiche.

Armi da sparo: fucili, pistole, lanciarazzi, che espellono un proiettile attraverso

una canna mediante l’uso di un combustibile (Direttiva europea 18 aprile

2008); ad esse sono talvolta equiparate le armi che usano aria o gas compressi

(armi a gas). Si distinguono giuridicamente in:

• A. da guerra o armi comuni (Art. 1 e 2 L. 110/1975): Sono comuni tutte

quelle non da guerra; queste sono ormai estremamente ridotte: armi a raffica,

fucili d'assalto semiautomatici con elevata capacità di fuoco, pistole in calibro

9 parabellum (ma è un errore del Ministero); non esistono revolver da guerra e

ve ne sono anche in calibro 9 para. Circa questo calibro si vedano nuove oscure

disposizioni nel D. L.vo 204/2010

Le armi comuni si distinguono in:

• A. comuni sportive (L. 85/1896 e art. 10 L. 110/1975): quelle classificate

come tali dalla Commissione in appositi elenchi; sono lunghe o corte a canna

rigata; i fucili da tiro a volo ricadono tra le armi da caccia, da cui non si distinguono.

• A. comuni da caccia (Art. 13 L. 157/1992): Si veda la voce Armi da

caccia

La natura di arma da caccia non è indicata nel provvedimento di catalogazione

e non è compito del Ministero decidere su tale qualificazione.

• Armi lunghe sono quelle la cui canna ha una lunghezza di almeno 30 cm

e in cui la lunghezza totale è almeno 60 cm; corte sono quelle più piccole (Direttiva

europea e trattato di Schengen).

110

• A. comuni in genere: tutte le altre, quali pistole da difesa, armi ad aria

compressa non sportive, pistole lanciarazzi, fucili non consentiti per la caccia

in Italia.

• A. antiche (Art. 2 e 20 L. 110/1975 e DM 14 aprile 1982): quelle di modello

anteriore al 1890, anche se costruite dopo (ad es. revolver mod. 1889, anche

se costruito nel 1920). Si tenga presente che:

- Le armi ad avancarica costruite fino al 1975 si considerano antiche (di solito

è persino impossibile stabilire la data di produzione);

- Le armi ad avancarica (e quelle a retrocarica che riproducono modelli di

armi anteriori al 1890) costruite dopo il 1975 si considerano armi comuni moderne

(sono le cosiddette repliche). Le armi antiche da sparo sono le uniche

assoggettate ad un regime un po' diverso rispetto alle armi in genere: chi ne detiene

più di otto deve richiedere licenza di collezione; chi ha questa licenza può

vendere ed acquistare armi antiche, del genere per cui ha licenza, senza farne

denunzia. Non ci vuole la licenza per le armi bianche antiche.

Le armi antiche non devono avere segni distintivi (marchi, matricola) salvo

quelle ad avancarica costruire dopo il 1920 (ipotesi molto rara).

Le armi bianche antiche sono quasi sempre falsi moderni e conviene considerarle

moderne!

• Repliche: Le repliche sono le riproduzioni di armi da sparo antiche, più o

meno fedeli, prodotte dopo il 1975. Esse devono recare tutti i prescritti segni

distintivi e passano la Banco di Prova. Le repliche di armi ad avancarica non

sono soggette a catalogazione. Le repliche a retrocarica vanno catalogate.

• A. liberalizzate (L. 526/1999, L. 422/2000 e DM 362/2001): Tutte le repliche

di armi ad avancarica monocolo (quindi non i revolver e le armi con più

canne) e le armi ad aria compressa od a gas di potenza non superiore a 7,5 Joule,

sono liberamente acquistabili presso gli armieri e non vanno denunziate;

possono essere liberamente trasportate. Con esse si può sparare in qualsiasi

luogo non aperto al pubblico (luogo ben recintato a cui non possono accedere

estranei se non autorizzati) e in poligoni pubblici e privati. Quelle ad avancarica

già detenute prima del 2000 sono liberalizzate senza alcuna formalità;esse

recano già marchio del fabbricante, matricola e sono provate al Banco di Prova;

per quelle ad a.c. il ministero ha introdotto, forse in modo illegittimo, il

controllo del Banco di Prova per poterle togliere dalla denunzia. Se però l’arma

è di fatto inferiore a 7,5 J, non vi è alcun problema a detenerla. Ai fini della

legge penale non sono armi proprie, ma strumenti atti ad offendere con un regime

particolare. Possono essere usate in poligoni pubblici o privati. Non si

può sparare in campagna, perché è luogo aperto al pubblico. È vietato ovviamente

cacciare con esse. Ad esse non si applicano i reati in materia di armi ma

solo sanzioni amministrative, salvo che per il porto al di fuori dei luoghi consentiti,

punito come il porto di un coltello.

111

Strumenti atti ad offendere (armi improprie), art. 4 L. 110/1975. Non

sono armi, ma strumenti: i coltelli di qualsiasi genere e dimensione (vedi sopra

per quelli a scatto), gli archi, le balestre, i fucili da pesca subacquea, accette,

forbici, punteruoli, attrezzi sportivi delle arti marziali ecc. Vale a dire ogni

strumento che può ferire, ma che è destinato ad altro scopo come strumento

sportivo o di lavoro. Gli archi e le balestre non sono armi improprie se portati

senza le frecce o non incordati (è chiaramente solo un trasporto).

Questi strumenti sono liberamente importabili, acquistabili, detenibili senza

denunzia e trasportabili; possono essere portati solo per giustificato motivo,

cioè per essere usati per la loro destinazione primaria. Il cacciatore e

l’escursionista possono portare ogni tipo di coltello. Il porto senza giustificato

motivo è punito dall’art. 4 L. 110/1975

Non sono armi proprie, secondo la prassi della maggioranza delle questure

e con piena logica, le spade, le katane, le sciabole, le shuriken, non particolarmente

affilate o appuntite, da considerare o strumenti sportivi o da arredamento

o da uso scenico, o complemento di divisa. Esse quindi vengono liberamente

importate e vendute e non vanno denunziate.

Non sono né armi né strumenti, ma oggetti qualsiasi, le armi a salve, i

giocattoli a forma di arma, le riproduzioni inerti di armi, le armi disattivate nelle

parti essenziali, i giocattoli softair con potenza non superiore ad un Joule;

questi oggetti sono liberi del tutto; se confondibili con armi vere, devono essere

messi in commercio con un tappo o cerchio rosso sulla bocca della canna, ma

l'acquirente può eliminarlo senza conseguenze, purché non usi l'oggetto per

commettere reati (minacce, rapina, Art. 5 L. 110/1975). Le armi a salve devono

avere la canna otturata, in modo da non poter proiettare corpi solidi (Dal 1-07-

2011 – D. L.v 204/2011). Le armi paintball (sparano palline di vernice) non

sono liberalizzate in Italia per decisione del Min. Int., in contrasto con la legge.

Con le armi a salve si può sparare liberamente (senza disturbare) perché per definizione

non si tratta di spari pericolosi vietati (Art. 703 C.P. e Art. 57 T.U. di

P.S).

Per un erronea interpretazione del Ministero vengono considerate armi da

sparo i lanciasiringhe veterinari che funzionano con cartuccia a salve od

aria compressa sebbene si distinguano ben poco da una cerbottana.

Parti di armi (Art. 19 L. 110/1975): sono parti essenziali di armi le canne,

le carcasse, i fusti, i tamburi, le bascule, i caricatori (eliminati come parti dal

D.vo 204/2010), gli otturatori e, per assimilazione un accessorio: il silenziatore

(eliminato come parte dal D.vo 204/2010). Non sono parti di armi quelle che

potrebbero appartenere anche ad un'arma giocattolo o disattivata (calcio in legno,

grilletto, minuterie). Non è parte il tamburo un'arma a salve. Le parti essenziali

di armi che non facciano parte di un'arma intera devono essere denun112

ziate (giurisprudenza costante della Cassazione). Vanno denunziate le canne

aggiuntive; queste devono anche recare un numero di matricola. Non sono parti

di arma i riduttori di calibro (canne riduttrici e bossoli riduttori), i visori notturni,

i puntatori laser, i cannocchiali e simili accessori.

Armi disattivate o inefficienti: un’arma si considera inefficiente in modo

irreversibile quando sono rese inefficienti tutte le parti essenziali; è sufficiente

che il ripristino sia impossibile con la normale attrezzatura di famiglia (chi ha

migliore attrezzatura, può ricostruirsi i pezzi!). Non è necessario che il privato

segua le procedure previste per i fabbricanti da circolari ministeriali. Un’arma

bianca spunta e non affilata non è più un’arma, ma solo un pezzo di ferro. Verrà

emanato un apposto regolamento.

Acquisto di armi

Ogni cittadino sano di mente, che non si ubriachi o non si droghi e che non

sia pregiudicato o malfamato o obiettore di coscienza ha diritto di acquistare

armi. Chi è munito di una qualsiasi licenza di porto d'armi ha già dimostrato

all'autorità di essere sano di mente ed onesto e quindi può acquistare armi e

munizioni di ogni genere, nei limiti consentiti. Chi ha licenza di porto di fucile

può acquistare armi corte, e viceversa.

Per le munizioni si veda apposita voce; i limiti per la detenzione di armi sono:

- Armi sportive, 6 pezzi

- Armi da caccia, senza limite

- Armi comuni in genere, 3 pezzi

Entro tale limite si possono detenere più esemplari dello stesso modello di

arma.

Chi non ha una licenza di porto d'armi deve invece richiedere apposito nulla

osta (Art. 35 T.U. di P.S.) per ogni operazione di acquisto di una o più armi.

Va richiesto alla questura indicando i motivi (caccia, difesa, sport) e il tipo di

armi che intendono acquistare; la questura può richiedere un certificato di sanità

mentale rilasciato dal medico di famiglia o, a discrezione del questore, dalla

ASL. È prassi delle questure richiedere l’idoneità al maneggio delle armi, In

alcune questure si richiede, a chi non ha fatto il militare, il certificato di capacità

al maneggio delle armi rilasciato dal TSN; è richiesta in contrasto con la legge

(Art. 8 L. 110/1975). In alcune questure, come suggerito dal Ministero, non

richiedono il certificato se il richiedente rinunzia a detenere le munizioni per

l'arma. Soluzione esatta perché neppure il collezionista deve produrlo (Art. 3 L.

36/1990), visto che non può detenere le munizioni. Ovvio poi che sarebbe idiota

chiedere il certificato del TSN al maneggio di armi da fuoco, per l'acquisto

di un'arma bianca o di un’arma antica! Sono illegittime imposizioni circa le

modalità di custodia (arma smontata, arma in cassaforte) apposte nel nulla osta

perché modificano l'atto tipico previsto dalla legge. Il D.L.vo 204/2010 porterà

113

alcune novità dopo il luglio 2011

Il nulla osta è gratuito e vale trenta giorni per tutto il territorio italiano. Esso

autorizza a trasportare le armi acquistate fino al luogo di detenzione. Per recenti

disposizioni del Min. Finanze è stato però reintrodotto il bollo sulla domanda

e sul nulla osta.

Gli obiettori (L. 230/1998 e 130/2007) possono acquistare liberamente armi

liberalizzate e possono ottenere nulla osta solo per acquisto di armi ad aria

compressa con più di 7,5 J o di repliche di armi ad avancarica a più colpi. Possono

ottenere licenze di trasporto per esse. Possono ovviamente usare le armi

liberalizzate e quindi ottenere il nulla osta per acquisto di polvere nera. Essi

hanno diritto di ottenere dal TSN certificato di abilitazione al tiro per le armi

loro consentite. Se hanno rinunziato allo status di obiettore (L. 230/1998 e

130/2007) riacquistano i diritti di ogni altro cittadino.

I cittadini comunitari (Art. 61 Reg. T.U. e DPR 311/2001) non residenti in

Italia devono esibire alla questura il nulla osta del proprio paese. In teoria anche

un cittadino comunitario può ottenere licenze di PS, ma spesso si richiede

reciprocità di trattamento e gli può essere difficile dimostrare i requisiti personali.

La legge (Art. 39 T.U. di P.S.) prevede che il prefetto può vietare la detenzione

di armi a chi potrebbe abusarne. È provvedimento amministrativo che

deve rispettare la procedura prevista per i provvedimenti amministrativi. Accade

sempre più spesso che agenti di polizia giudiziaria che accertano un modesto

illecito in materia di armi, oltre a sequestrare l’arma o cartuccia corpo di

reato, si portino via “in via cautelare” tutte le armi. È comportamento non consentito

dalla legge e che potrebbe comportare risarcimento danni. Solamente in

caso di urgenza e pericolo (segni di squilibrio del detentore) il “capo

dell’ufficio di PS del luogo” (Art. 5 T.U. di P.S.), e non altri, può adottare un

provvedimento provvisorio da trasmettere con urgenza al prefetto. Quindi per

la restituzione di queste armi è competente il prefetto.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it