Consulenze

Cartucce Tipologia e Nomenclatura

Voci collegate: sulla balistica dei proiettili si vedano le voci Il tiro con fucile

a canna rigata, Il tiro al capriolo, Palle slug; sui pallini si veda Pallini,

Il tiro con munizione spezzata, La rosata

Con il termine cartuccia si indicano attualmente le munizioni destinate al

caricamento delle armi da fuoco a retrocarica.

Nomenclatura delle cartucce

A) e B) Cartuccia per fucile a canna liscia: 1) bossolo, 2) fondello, 4) innesco,

5) chiusura stellare, 6 e 7) pallini, 8) borra di plastica con bicchierino

porta pallini; 9) borra di feltro, 10) polvere da sparo, 11) buscione.

C) Cartuccia per fucile a canna rigata: 1) bossolo, 3) proiettile, 4) innesco,

10) polvere 12) crimpatura, 13) collarino, 14) flangia

80

Da un punto di vista tecnico esse possono essere così distinte

Flobert

A percussione anulare Calibri 22 lungo, corto, magnum

A salve

Cartucce

Per armi lunghe a canna liscia

Per armi lunghe a canna rigata

A percussione centrale Per rivoltella

Per pistola

A salve

Le cartucce a percussione anulare si distinguono da quelle a percussione

centrale, oltre che per essere normalmente di ridotte dimensioni e con bossolo

cilindrico, munito di flangia, perché non hanno inserito al centro del fondello

un innesco; la sostanza innescante si trova all'interno del fondello distribuita

lungo la sua circonferenza così che il percussore non deve percuotere il centro

del fondello, ma il suo orlo esterno.

Le cartucce a percussione centrale hanno invece un innesco inserito al centro

del fondello.

Quelle per armi a canna liscia sono formate da un bossolo di cartone o plastica

(ma talvolta di alluminio od ottone), fermato alla base da un robusto fondello

munito di flangia (orlo sporgente) al cui interno vi è un ulteriore rinforzo

di cartone pressato o plastica, detto buscione, su cui si versa la polvere da sparo.

Sopra la polvere da sparo vi è una borra di feltro o di plastica che, talvolta

termina in un bicchierino di plastica entro cui si raccolgono i pallini o la palla.

Questo bicchierino ha la funzione di evitare il contatto del piombo con la canna

e si separa dal proiettile subito dopo essere uscito dalla canna. Talvolta ha anche

la funzione di tenere più raccolta la rosata dei pallini ed allora si separa da

essi ad una maggior distanza dalla bocca dell'arma.

La cartuccia con la sua carica viene chiusa appoggiando un dischetto sopra

al piombo e arrotolando il cartone del bossolo su di esso (orlatura), oppure,

senza dischetto, ripiegano il bossolo verso il centro in modo simmetrico (chiusura

a stella).

Quelle per carabina e per pistola hanno il bossolo interamente in ottone, che

assume due forme: la forma cilindrica (talvolta con una minima conicità per facilitare

l'estrazione dalla camera di cartuccia dopo lo sparo) e la forma a bottiglia.

Le cartucce per rivoltella hanno il bossolo cilindrico e munito di flangia; le

cartucce per pistola hanno il bossolo cilindrico privo di flangia ma con una

81

scanalatura di presa circolare attorno alla base, entro cui si aggancia l'estrattore

dell'arma per estrarre la cartuccia o il bossolo sparato dalla camera di cartuccia.

Le cartucce per carabina, di solito di maggior lunghezza, possono avere la

scanalatura o la flangia.

Le cartucce per armi a canna rigata recano il proiettile inserito nella loro

bocca e ivi fissato mediante crimpatura del bossolo. Solo i proiettili da tiro

wad-cutter (cilindrici) vengono interamente inseriti entro il bossolo in modo da

non sporgerne.

La polvere riempie quasi interamente lo spazio libero nel bossolo e non vi è

alcuna borra.

Le cartucce a salve possono essere destinate ad armi da fuoco per spararvi a

salve, ad armi a salve oppure a strumenti per usi artigianali o industriali. Esse

quindi possono essere normali bossoli per armi da fuoco caricate senza proiettile,

oppure cartucce caricate con bossoli di apposito calibro per armi a salve.

Le armi a canna rigata non sparano pallini ma proiettili singoli; quelli sferici,

usati un tempo nelle armi ad avancarica, sono ormai abbandonati e si usano

proiettili con una forma cilindro-conica od ogivale, quanto più possibile aerodinamica.

I proiettili possono essere in piombo nudo (per armi a bassa velocità

iniziale così che il piombo non si "spalmi" nelle rigature) oppure rivestito da un

guscio sottile di metallo più duro (rame, ottone, leghe varie). Questo guscio

(camicia, mantello, corazza, blindatura) può rivestire totalmente il proiettile,

come prescritto per le armi militari, oppure può lasciare nuda la punta del

proiettile (soft-nose) che, comunque, non entra in contatto con l'anima della

canna. Il guscio può essere conformato in modo particolare al fine di favorire la

deformazione a fungo del proiettile. Questa deformazione può essere ottenuta

anche forando assialmente la punta del proiettile (proiettile a punta cava).

Il cacciatore ha sue proprie esigenze ben diverse da quelle dei militari. Il

proiettile deve arrestare il selvatico nel più breve tempo possibile senza però

danneggiarle troppo trofeo, pelliccia e carne; se l'animale rimane ferito, deve

lasciare una traccia di sangue che consenta ai cani di ritrovarlo. Da queste esigenze

deriva una infinita serie di invenzioni più o meno riuscite, volte ad ottenere

un proiettile che si deformi ed allarghi una volta entrato nel corpo dell'animale.

È del 1892 il proiettile Sauer & Sohn con punta e nucleo rastremato di acciaio,

fasciato da un cilindro di rame che si apre a fiore oppure, al contrario con

punta di rame entro cui si incunea una base di acciaio. Nel 1885 si vedono in

commercio proiettili camiciati a punta cava.

Tra i tipi più moderni ed affermatisi, meritano di essere citati quelli di cui

alla illustrazione e cioè:

82

1) Proiettile interamente camiciato; 2) Proiettile semicamiciato; 3) Proiettile

H-Mantel della Dynamit Nober (RWS) a forma di H, avendo la camiciatura

una strozzatura centrale, mentre la punta è vuota, ma coperta da una cuffia in

rame; 4) Brenneke TIG e cioè Torpedo Ideal Geschoss, con il nucleo diviso in

due parti, quella anteriore più tenera inserita entro quella posteriore più dura;

la base è conica; 5) Brenneke TUG e cioè Torpedo Universal Geschoss, simile

al precedente salvo che è la parte dura ad infilarsi entro quella tenera; 6) KG

(Kegelspsitzgeschoss, RWS) a punta conica, del 1965 con camiciatura che si

assottiglia progressivamente verso la punta nuda; 7) Silvertyp della Winchester

con una cuffia di alluminio che copre la punta e si prolunga sotto la camiciatura

di tombacco quasi fino a metà del proiettile; 8) Nossler (USA) in cui la

camiciatura in tombacco è lavorata dal pieno e divisa in due parti: quella inferiore

robusta ed indeformabile e quella superiore in cui lo spessore e lunghezza

della camiciatura viene adattata al tipo di proiettile; 9) Core lokt della Remington

che presenta un progressivo rinforzo della camiciatura verso la metà

del proiettile e preintagli della stessa nella parte superiore.

Ai fini pratici la differenza fra i vari tipi di proiettili non è essenziale.

La legge vieta l’uso di proiettili a punta cava (è una norma sciocca derivante

dalla errata applicazione della Direttiva europea, mai corretta dal Ministero),

incendiari, a carica esplosiva, traccianti, a nucleo perforante (sia ben chiaro che

83

la legge vieta non ogni proiettile che fa un buco, come ha capito talvolta la

Cassazione, ma quei proiettili specialissimi, per uso militare, composti di una

spina interna di acciaio durissimo al tungsteno, fasciato di piombo per consentirne

l’uso in canne con minor durezza. Non sono quindi vietati i proiettili interamente

di ferro con un leggero rivestimento di rame perché manca il “nucleo”.

Non sono proibiti i proiettili in cui una spina di ferro ha la funzione di far

espandere la palla.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it