Consulenze

Accertamento e consulenza tecnica preventiva ex artt. 696 e segg. c.p.c.: hanno valore di prova scritta nel procedimento di ingiunzione?

DIRITTO E PROCEDURA CIVILE

Le risultanze della consulenza tecnica assunta in un procedimento ex artt. 696 e segg. c.p.c. possono assumere il valore di prova scritta per l'instaurazione di un procedimento ingiuntivo ex artt. 633 e segg. c.p.c.? Nel caso di specie era stato promosso un ATP per valutare lo stato di un tetto di un capannone; dalla consulenza tecnica erano emersi dei vizi di costruzione imputabili al tecnico progettista.

Non avendo quest'ultimo provveduto al risarcimento dei danni quantificati da CTU, si valutava la possibilità di instaurare il procedimento monitorio. In effetti, a seguito delle modifiche introdotte nel 2005, lo strumento dell'accertamento tecnico preventivo può essere esteso anche alla valutazione delle cause e dei danni oggetto della verifica e se il consulente provvede a quantificare il risarcimento dei danni nella propria relazione, non si vede perché tale dato non possa assumere valore di prova scritta in un successivo procedimento per ingiunzione.

Secondo il costante e acquisito orientamento di dottrina e giurisprudenza, infatti, la prova scritta in un procedimento sommario, qual è quello di ingiunzione, è costituita da qualsiasi documento meritevole di fede quanto alla sua autenticità, anche se sfornito dell'efficacia probatoria assoluta e anche se proveniente da terzi. Il valore probatorio della consulenza in un procedimento tecnico preventivo e/o consulenza tecnica preventiva è, altresì, rafforzato dal fatto che comunque il procedimento previsto dagli artt. 696 e segg. c.p.c. deve instaurarsi nel pieno rispetto del contraddittorio, essendo, in caso contrario, viziato da nullità assoluta. Neppure la mancanza di contraddittorio, perciò, può essere addotta come elemento che sminuisce il valore delle risultanze di tale procedimento.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it