Consulenze

Abilitazione Venatoria Requisiti

Chi intende iniziare a cacciare e richiedere quindi una licenza di porto di fucile per uso caccia, deve prima di tutto richiedere il certificato di idoneità psicofisica e poi superare l’esame di abilitazione all’esercizio venato (art. 22 LC). L’abilitazione è richiesta solo per il primo rilascio e perciò non deve dare l’esame chi è ha già avuto in passato una licenza di caccia. Non è necessario produrre ad ogni rinnovo il certificato perché il possesso di una precedente licenza di caccia esonera dall’obbligo. In ogni capoluogo di provincia viene stabilita la data per la sessione di esame e viene costituita una commissione di esame composta di esperti nelle seguente materie: a) legislazione venatoria; b) zoologia applicata alla caccia con prove pratiche di riconoscimento della specie cacciabili; c) armi e munizioni da caccia e relativa legislazione; d) tutela della natura e principi di salvaguardia della produzione agricola; e) norme di pronto soccorso. Le regioni fissano le modalità dell’esame e possono introdurre ulteriori argomenti di esame. Almeno un membro deve essere laureato in scienze biologiche o in scienze naturali esperto in mammiferi ed uccelli. Il candidato deve ottenere la sufficienza in tutte e cinque le materie. La provincia , ora regione, rilascia quindi un certificato di superamento dell’esame che ha valore per tutta la vita. In un solo caso l’esame va ripetuto e cioè quando si chiede il rilascio di una nuova licenza perché la precedente è stata revocata a norma art. 32 LC. Si ritiene che il cacciatore straniero, munito di licenza di caccia estera, debba sostenere l’esame di abilitazione, salvo diversa disposizione della legge regionale. Attenzione ad una imprecisione della legge: l’art. 23, 1° comma, LC regola la tassa di concessione regionale per il rilascio dell'abilitazione all'esercizio venatorio di cui all'articolo 22. In realtà, come emerge poi dai commi successivi la tassa istituita non è quella per l’esame di abilitazione (una volta nella vita e che quindi ben pochi soldi porterebbe alle regioni!), ma quella annuale da pagare alle regioni per poter cacciare. Ciò non toglie che la Provincia-Regione possa stabilire il pagamento di diritti per chi chiede di sostenere l’esame di abilitazione.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it