Consulenze

A chi appartiene l'animale cacciato

Un problema che da sempre ha animato la vita dei cacciatori è quello dei

diritti di precedenza che ha un cacciatore contro tutti gli altri, rispetto alla selvaggina

da lui per primo trovata, levata, allettata col fischio, o in altro modo;

ed anche a quella puntata, fermata, levata, inseguita dal suo cane o da lui ferita.

Nel corso dei secoli si erano formate delle solide consuetudini rispettate dai

cacciatori e applicate anche dai giudici. E cioè:

a) Il diritto del cacciatore su l'animale, al quale ha sparato anche solo ferendolo;

b) Il diritto di sparare, e solo lui, all'animale puntato, fermato, o comunque

levato dal suo cane o dai suoi cani.

c) Il diritto di seguito, già così denominato a significare che nelle cacce a

inseguimento coi cani, la selvaggina, finché non siasi sottratta del tutto a tale

inseguimento rimane di dominio venatico di chi l'ha levata e posta in caccia,

dei cani di esso e dei cooperatori suoi.

d) diritto che sopra gli appostamenti di caccia, siano essi temporanei o fissi,

venga rispettata l'osservanza delle distanze imposte sia dal danno presumibile,

che una concorrenza troppo vicina possa portare a la proficuità della caccia

stessa, oppure dal pericolo nascente per l'uso di armi da fuoco.

La LC del 1939, all’art. 2, creava una apposita norma secondo la quale in

terreno libero la selvaggina appartiene a chi la uccide o la cattura. Peraltro

essa appartiene al cacciatore che l'ha scovata finché non ne abbandoni

l'inseguimento,e quella palesemente ferita al feritore. S'intende libero il terreno non

costituito in bandita o in riserva o non precluso, comunque, alla libera caccia.

La LC del 1992, all’art. 12 comma 6 ha scritto solamente che la fauna selvatica

abbattuta durante l'esercizio venatorio nel rispetto delle disposizioni

della presente legge appartiene a colui che l'ha cacciata.

Norma oscura e maldestra, scritta da chi, nello scrivere una norma a tutela

degli animali, poco si curava dei problemi del cacciatore, visto più come un

elemento di disturbo che come un collaboratore indispensabile per mantenere

un equilibrio ecologico collassato per fenomeni ambientali. Eppure ci voleva

poco a mantenere il frutto di una saggezza secolare.

Il solo fatto di limitare la norma alla selvaggina abbattuta, significa non

aver capito nulla, perché si immagina che il termine appartenere voglia dire

mettersi in tasca! Invece il termine appartenere sta a significare il diritto di

cacciare l’animale dal momento della sua individuazione fino al suo abbattimento

perché lo sport della caccia è basato su tutto un complesso di attività per

giungere all’abbattimento, attività su cui altri cacciatori non devono interferire.

Perciò la norma ignora i problemi del diritto ad inseguire l’animale scovato,

cosa che impedisce l’abbattimento da parte di chi non ha iniziato la caccia e fa16

vorisce chi, in sostanza, gliela ruba. Ignora anche tutte le operazioni di disturbo

che ostacolano chi sta cacciando un capo di selvaggina dal pervenire al suo

abbattimento.

Inoltre che cosa vuol dire appartiene a colui che l'ha cacciata? Sembra che

la norma voglia distinguere fra l’atto finale dello abbattere e quello precedente

di cacciare ed allora la norma potrebbe significare che comunque il capo appartiene

a chi lo ha scovato, braccato, ferito. Soluzione errata, perché non si è

capito che la condotta illecita viene spesso posta in essere proprio abbattendo il

capo cacciato da altri e che è proprio l’abbattimento ad essere un atto scorretto

nei confronti di chi stava cacciando l’animale. Il cacciatore non va a caccia solo

per portarsi a casa un pezzo di carne, ma principalmente per l’emozione e la

soddisfazione di aver trovato, scovato, inseguito, colpito un selvatico ed è cosa

illecita sostituirsi a lui nell’abbattimento.

Perciò la norma, per non aver compreso ciò di cui stava parlando, rende lecita

proprio la condotta che prima era sempre stata considerata vietata!

Se si abbandonano i precisi parametri tradizionali che facevano riferimento

al diritto di chi scova l’animale e di chi lo ferisce in modo palese (tale da far

capire che l’animale è ormai menomato) la norma diviene un vuoto gioco di

parole, priva di significato concreto.

Comunque, almeno sul piano astratto, la norma, priva di sanzione, crea comunque

un diritto del cacciatore sul selvatico cacciato, diritto tutelato solo sul

piano civilistico. È certo, ad es., che se un cacciatore ha ucciso un selvatico e

un altro cacciatore raccoglie la preda e se la porta via, vi è il diritto civilistico

di riavere il capo o il suo corrispettivo.

Ci si può anche chiedere se in ciò sia ravvisabile un reato penale. Nel 1918

la Cassazione aveva configurato il reato di furto in un caso analogo in cui i selvatico

ferito era sotto i controllo dei cani dello sparatore. La regola può essere

ancora valida ora perché nel momento in cui l’animale è ucciso o immobilizzato,

il cacciatore ne ha già di fatto una detenzione che non richiede un contatto

materiale con l’animale. Non si può ravvisare alcun reato nel caso di animale

solamente scovato ed inseguito oppure ferito.

~ Consulenze ~

Consulenze in materia di Diritto e Procedura Civile e Penale

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy - Cookies
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it