Sentenze

Obbligo di denuncia di caricatori dopo il d.l. 7/2015 e qualificazione delle armi da sparo (Cass. n. 45992/2016)

Con la sentenza in commento la Corte di Cassazione ha affermato che, a seguito dell’entrata in vigore del d.l. n. 7/2015 e alle conseguenti modifiche dell’art. 38 T.U.L.P.S. e art. 697 c.p., l’obbligo di denuncia di caricatori scatta ora solo per quelli in grado di contenere un numero superiore a cinque colpi per le armi lunghe e a quindici colpi per le armi corte, con conseguente depenalizzazione – a seguito della normativa sopravvenuta (ex art. 2 c. 2 c.p.) – della condotta di detenzione abusiva di caricatori per armi comuni da sparo che non superano i suddetti limiti. La pronuncia è interessante anche in materia di qualificazione di armi, spesso oggetto di confusione da parte delle Procure che nel dubbio preferiscono qualificare il fatto come detenzione di arma (o munizione) da guerra o tipo guerra e non come arma comune da sparo: la Corte, infatti, ha confermato l’orientamento più recente per cui, a seguito delle novità introdotte dalla L. 183/2011 che ha eliminato il catalogo nazionale delle armi comuni da sparo, spetta ora al banco nazionale di prova di cui all’art. 11 c. 2 L. 110/1975 la competenza in merito alla verifica per ogni arma da sparo prodotta la qualità di arma comune da sparo. E poiché nel caso di specie l’arma in questione – una pistola Beretta SB/92/FS (con relativo munizionamento) – è stata qualificata dal Banco Nazionale come arma comune da sparo, non può trovare applicazione la L. 895/1967 ma il codice penale art. 697 (nel caso di specie in relazione alle munizioni non denunciate).

Clicca qui per il testo integrale della sentenza

~ La Caccia ~

Edoardo Mori
Con la collaborazione dell'avv. Andrea Antolini

Libro sul diritto della caccia, le leggi, la giurisprudenza commentata
Appunti di diritto delle armi e di balistica venatoria

~ Ulteriori Servizi ~

Studio legale in Trentino specialista in materia di caccia e armi, ampia esperienza in Diritto Civile, Diritto Penale, Diritti di Famiglia, Risarcimento Danni, Protezione dei soggetti deboli.

~ Lo studio ~

Lo Studio

Lo Studio Legale Antolini si avvale di professionisti di comprovata esperienza e competenza, offrendo particolare specializzazione in materie di caccia e armi, assistenza legale civile e penale.
Il nostro obiettivo è la comprensione degli obiettivi dei clienti, fornire consigli e servizi legali ispirati ai più elevati standard di qualità professionale.

  • Diritto Civile
  • Diritto Penale
  • Diritti di Famiglia
  • Risarcimento Danni
  • Protezione dei soggetti deboli
  • Separazioni e Divorzi

Contattaci

Studio Legale Antolini

Viale Dante, 19
38079 Tione di Trento (TN)

T. +39 0465 321141
F. +39 0465 329910

info@studiolegaleantolini.it
P.E.C.: andrea.antolini@pectrentoavvocati.it
Codice Fiscale e P.IVA: 02318630221

*Il presente Sito non fa uso di cookies

 Seguici su facebook


Studio legale Antolini - Viale Dante, 19 - 38079 Tione di Trento (TN) - P.IVA 02318630221 - Privacy
T +39 0465 321141 - F +39 0465 329910
info@studiolegaleantolini.it